Ordine Monastico Spirituale dei Monaci Ashrama

Ente Confessionale di religione e di culto

Ordine Monastico degli Ashrama
Seleziona una pagina

Yoga

Lo Yoga è una ricerca di esperienza, di un cammino spirituale, come ricerca di quel ‘ sentiero antico’ , percorso ab immemorabilis dai saggi indiani e che affonda le sue origini nello Yoga – via di realizzazione spirituale che guida all’unione con l’Assoluto, e che ha il suo primo impulso nella valle dell’Indo (2500 a.C) “Forse l’aspetto più conosciuto della filosofia e della religione dall’India è lo Yoga.

Il termine Yoga, dalla radice sanscrita ‘yuj’, può significare i diversi aspetti e momenti importanti che concorrono alla formazione dell’uomo e alla maturazione della sua ‘vita spirituale’, intesa questa come insieme di valori ispiranti che divengono graduale esperienza di vita.

I diversi significati che la radice sanscrita ‘yuj’ può avere sono i seguenti: legare insieme, tenere stretto, mettere sotto giogo. Aspetto ultimo, definitivo, peculiare, a cui i precedenti aspetti sono protesi è quello totalizzante unire con l’Assoluto, “absolutum bonum”.

Nel pensiero indiano, quindi il termine ‘Yoga’, indica ogni tecnica d’ascesi, ogni metodo di meditazione, ogni disciplina spirituale che presuppone la ‘rottura’ e il ‘distacco’ (vairajya) quindi, la negazione del mondo fenomenico allo scopo di ricomporre lo spirito (purusa) sinonimo di Atman, il sé individuale, per renderlo pronto e ben disposto alla vera unione, quella con l’Assoluto impersonale, il Sé universale, il Brahman-Nirvana.

Non va, pertanto, confusa questa antica e qualificata disciplina di ricerca spirituale in progressione perfettiva verso la salvezza con gli esercizi fisici di tipo ginnico, mentalità questa molto diffusa in occidente.

Infatti “secondo i saggi antichi, lo Yoga è ordinato alla salvezza dell’anima, e fuori di tale contesto nessun esercizio sarebbe Yoga.

Si afferma pure che questo cammino di ricerca dell’Assoluto è “la via degli dei [DEVA-YANA]… via degli “antenati” e che un essere [purusa] non umano fa procedere fino al Brahman.

La spiritualità dello Yoga viene chiamata ‘antica via’, che la prima Upanishad caratterizza nel suo stretto e lungo itinerario spirituale:” Io ho scoperto l’antica, lunga , angusta via che penetra in me” (Brhadaranyaka Up,.IV,4,8)

Quindi nelle tradizioni religiose antiche dell’India, l’uso della parola Yoga per indicare la disciplina spirituale che conduce alla realizzazione del fine ultimo di valore assoluto, è conforme al suo senso etimologico di ‘soggiogare’: unire; ‘congiungere’ tre significati che costituiscono tre momenti da realizzarsi in progressione perfettiva: ‘Soggiogare’: l’aspirante spirituale si mette sotto il ‘giogo’, si autodisciplina allo scopo di ottenere la concentrazione.

‘Unire’ ciò che è disgregato nell’uomo: l’aspirante spirituale , ottenuta la concentrazione mediante la disciplina del ‘giogo’, si ‘distacca’ dalle realtà profane, attua la ‘rottura’ con il mondo e realizza l’integrazione della sua dimensione profonda.

‘Congiungere’: reintegrato con se stesso, l’aspirante spirituale realizza il fine ultimo di valore assoluto: l’identificazione con il Brahman o l’estinzione nel Nirvana.

Se volessimo individuare ed introdurre gli elementi spirituali fondamentali che accumunano le più antiche tradizioni religiose, gli elementi spirituali, che si trovano in pienezza nella spiritualità cristiana, possono essere ridotti a tre.

1. Spiritualità: necessità di comprendere le realtà spirituali in modo spirituale.

2. Disciplina: necessità di una disciplina spirituale che accompagni l’aspirante verso tale comprensione

3. Psicotecniche: necessità di tendere, mediante un cammino di graduale interiorizzazione, al fine ultimo e definitivo dell’esistenza umana.

Giovanni Paolo II nell’Enciclica Fides et Ratio, esorta i cristiani a ricercare nelle antiche tradizioni religiose dell’India “gli elementi compatibili con la loro fede, così che ne derivi un arricchimento del pensiero cristiano.

I suddetti tre elementi spirituali: SPIRITUALITA’, DISCIPLINA, PSICOTECNICHE, possono essere ritenuti compatibili con la fede cristiana. Infatti il primo elemento spirituale imprime allo spirito umano “un grande slancio spirituale” il secondo elemento spirituale risveglia il cuore umano ai valori dello spirito e lo pone nella “ricerca di una esperienza”

Il terzo elemento spirituale, il quale suppone e consegue ai primi due, protende l’uomo verso una realtà ultima “che abbia valore di assoluto”

Yoga, così come si intende nelle Upanishad e nelle altre scuole indiane, deriva dalla radice yui [congiungere] e significa l’unione dell’anima con Dio o con l’Assoluto.

Nell’Ashram Joytismati potrai sperimentare lo Yoga dei Monaci Ashrama,

ti permetterà di sperimentare il silenzio interiore, chiarezza mentale e stati di pace profonda. Realizzeremo insieme la meditazione, riceverai uno strumento per educare il corpo, le emozioni, l’intelletto e l’energia ti permetterà di accrescere la tua spiritualità.

Potrai sperimentare il valore del silenzio. Impareremo a servire – amare – purificare-meditare- realizzare.

Imparare a trasmettere Yoga.

Gestire le emotività.

Migliorare la comunicazione e le relazioni.

Accrescere la personalità per inserirsi al meglio sul piano professionale e sociale.

Avvicinarsi a stati superiori di consapevolezza.

Recuperare e sviluppare le risorse personali.

Potenziare le energie mentali.

I rami dello Yoga che si praticano.

Hatha Yoga: per un profondo sviluppo della consapevolezza di corpo-mente attraverso Asana ( posture fisiche) Bhanda ( contrazioni muscolari) Mudra ( gesti) e Kriya per le sei purificazioni che riguardano le vie respiratorie, l’apparato digerente, e il sistema nervoso. La pratica del Kriya libera l’individuo dalla sofferenza, purificando corpo, mente e karma, e tecniche di Pranayama, controllo dei soffi vitali, per risvegliare energie latenti ed incanalarle attraverso i principali Chakra, tra la base della colonna vertebrale e la corona, per padroneggiare la mente, ripulire il subconscio, sviluppare la concentrazione, la chiarezza mentale.

Raja Yoga: per lo sviluppo delle potenzialità della mente, per mezzo del risveglio dei centri psichici e spirituali dell’uomo con appropriate tecniche, per arrivare a padroneggiare ogni cellula del corpo.

Jnana Yoga: per la realizzazione della conoscenza del Sé attraverso tecniche di rilassamento, jnana Kriya, meditazione e studio dei testi.

Bhakti Yoga: Yoga della devozione al Supremo Signore.

Karma Yoga: azione disinteressata e consapevole. La sua pratica conduce alla conoscenza della natura dell’Io, la sua pratica ci conduce alla conoscenza e al controllo delle proprie tendenze e forze inconsce e al superamento dei vincoli karmicoi: e la base su cui poggiano tutti gli altri Yoga.

Si consiglia un abbigliamento comodo, sia per la pratica che per i momenti liberi.

L’Ashram è aperto a tutti. di qualsiasi religione essi siano. Lo scopo dell’insegnamento non è di avere dei discepoli dipendenti, al contrario formare dei discepoli liberi, dei veri maestri che siano utili all’umanità, con il loro esempio ed il loro lavoro, che sappiano dimostrare ogni momento cosa sia la vera libertà o realizzazione.

Gli incontri si svolgono presso l’Ashram Joytismati in un luogo adatto alla pratica, allo studio, all’interiorizzazione.

Durata: data l’immensa e completezza (anche tecnica) del sistema dello Yoga la frequenza è illimitata. Per le esigenze dei praticanti viene rilasciato un Attestato di abilitazione dopo un anno di frequenza, ed un Diploma dopo 5 anni ad indiscrezione della Guida Spirituale.

Nell’Ashram Joytismati per causa Covid 19 ,lo Yoga non può essere praticato. Si svolgono lezioni On Line su Life Size, il Giovedi ed il venerdi, per informazioni prendere contatti attraverso e-mail. monaciashrama@libero.it

Contatti

Per qualsiasi informazione potete contattarci e saremo lieti di rispondere alle vostre domande

× Contattami